La Trippa di San Bassiano::

Una tradizione popolare

La Trippa di San Bassiano::

Una tradizione popolare

A Lodi la Trippa è una tradizione, anzi, è la tradizione

La Trippa a Lodi non è solo cibo. Non è solo una ricetta, un modo di mangiare le interiore dell'animale con verdure e spezie.
Prima o poi ogni lodigiano mangia, ha mangiato o mangerà la Trippa di San Bassiano, mettendosi in fila in Piazza Broletto la mattina del giorno della festa del patrono cittadino per ricevere una fumante porzione della gustosa e ricca Trippa Lodigiana.

San Bassiano 2022
La "Trippa Sospesa"

Pro Loco Lodi, Centro di Formazione Professionale Luigi Clerici e Accademia italiana della cucina ancora insieme per un'occasione di solidarietà in tempo di pandemia

La tradizionale distribuzione della trippa di San Bassiano che la Pro Loco di Lodi assicurava alla cittadinanza in occasione della festa del Patrono di Lodi anche quest'anno non potrà essere effettuata a causa delle restrizioni imposte dal Covid -19.

Si rinnova quindi l'iniziativa della "Trippa Sospesa" in collaborazione con il corso di cucina per aiuto cuoco del CFP Fondazione Clerici di Lodi insieme alla Accademia italiana della cucina.

I ragazzi della scuola, guidati dagli chef e docenti Aldo Fedele e Angelo Moroni, prepareranno infatti oltre cento porzioni da distribuire simbolicamente ad alcune realtà del territorio che si occupano delle persone più fragili: I vigili del fuoco, il Centro di raccolta solidale di via Pace di Lodi, e la Croce Rossa italiana. «Con questa iniziativa uniamo tre obiettivi - spiega il presidente Pro loco Ettore Cattani -: manteniamo la tradizione di San Bassiano, diamo un aiuto a chi è in difficoltà, e consentiamo ai ragazzi di fare esperienza in un momento in cui gli stage nel mondo della ristorazione sono ovviamente molto difficili da attivare».

Dai tempi del Drago Tarantasio

La trippa è un piatto che sembra all'apparenza povero, preparato a partire dalle interiora dell'animale, ma che si arricchisce di verdure e spezie cucinate a lungo con sapiente cura e con il gusto antico per le cose lente e ripetitive.

Quando nei tempi della grande palude lodigiana, quella dove aleggiava il respiro pirico del mitico drago Tarantasio, i poveri non potevano sperare di magiare carne nobile, non rimaneva loro che cibarsi dei resti e degli scarti del bestiame che non veniva utilizzato dagli allevatori e destinato ai cittadini più ricchi.

La fame ingegnò la popolazione che imparò presto a rendere commestibile le trippe, gli intestini e le budella gettati via come rifiuto.Come dei riciclatori ante litteram, aggiunsero poi quegli ingredienti che ancora ora ne caratterizzano la tipicità.

Si raccontava, poi, tra le nebbie domenicali adagiate sulle rive umide delle rogge, nei cammini mattutini per la cacciagione di fiume, che la peste , già implacabile sterminatrice a Milano, non fosse così crudele con Lodi, i cui abitanti apparivano in qualche modo maggiormente resistenti al morbo o addirittura miracolosamente immuni.Ciò forse era dovuto a quell'abitudine non proprio aristocratica di nutrirsi di abbondanti piatti di Trippa?

Qualcuno così pensò e presto la leggenda prese voce, diffondendosi fino ai giorni nostri.La Trippa previene la malattia, pensavano i lodigiani antichi.

La tradizione arriva così fino ai giorni nostri incontrandosi con il culto cittadino per Bassiano, vescovo di Lodi, contemporaneo del potente milanese Ambrogio, del quale fu amico e confidente.

Dai tempi del Drago Tarantasio

La trippa è un piatto che sembra all'apparenza povero, preparato a partire dalle interiora dell'animale, ma che si arricchisce di verdure e spezie cucinate a lungo con sapiente cura e con il gusto antico per le cose lente e ripetitive.

Quando nei tempi della grande palude lodigiana, quella dove aleggiava il respiro pirico del mitico drago Tarantasio, i poveri non potevano sperare di magiare carne nobile, non rimaneva loro che cibarsi dei resti e degli scarti del bestiame che non veniva utilizzato dagli allevatori e destinato ai cittadini più ricchi.

La fame ingegnò la popolazione che imparò presto a rendere commestibile le trippe, gli intestini e le budella gettati via come rifiuto.Come dei riciclatori ante litteram, aggiunsero poi quegli ingredienti che ancora ora ne caratterizzano la tipicità.

Si raccontava, poi, tra le nebbie domenicali adagiate sulle rive umide delle rogge, nei cammini mattutini per la cacciagione di fiume, che la peste , già implacabile sterminatrice a Milano, non fosse così crudele con Lodi, i cui abitanti apparivano in qualche modo maggiormente resistenti al morbo o addirittura miracolosamente immuni.Ciò forse era dovuto a quell'abitudine non proprio aristocratica di nutrirsi di abbondanti piatti di Trippa?

Qualcuno così pensò e presto la leggenda prese voce, diffondendosi fino ai giorni nostri.La Trippa previene la malattia, pensavano i lodigiani antichi.

La tradizione arriva così fino ai giorni nostri incontrandosi con il culto cittadino per Bassiano, vescovo di Lodi, contemporaneo del potente milanese Ambrogio, del quale fu amico e confidente.

This image for Image Layouts addon

Si dice:
"Mangià la büseca de San Bassan vör di sta ben tüt l'an"


La tradizione arriva così fino ai giorni nostri incontrandosi con il culto cittadino per Bassiano, vescovo di Lodi, contemporaneo del potente milanese Ambrogio, del quale fu amico e confidente.

Ancora oggi si dice che "Mangià la büseca de San Bassan vör di sta ben tüt l'an", mangiare la trippa di San Bassiano significa star bene tutto l'anno.

La Preparazione della Trippa

La trippa che viene distribuita alla cittadinanza e al pubblico il giorno del Patrono si preparava fino al 2019 nelle cucine dell’azienda ospedaliera Lodigiana che prestava strutture e personale per avere tutto pronto per la mattina della festa.

Complessivamente si prepara circa un quantitativo di circa 20 quintali di Trippa

La ricetta della Trippa di San Bassiano

Secondo la elaborazione del gastronomo Emilio Mazzi

Trippa

550KG

Patate

400Kg

Carne Trita

35 Kg

Burro

5kg

Pancetta

5kg

Sedano

90kg

Carote

60kg

Fagioli di Spagna

20kg

Formaggio Grana Grattugiato

8kg

Olio d’oliva

10L

Vino Bianco secco

18L

Sale, Spezie, aromi tipici

qb

©Pro Loco Lodi 2022. Pro Loco Lodi Piazza Broletto, 1 26900 Lodi LO - info@prolocolodi.it Powered by Tibumedia™ - Elaborazione Tibumedia™ - Contributi Pubblici 2021

Search